[ Poesia ] Giorno Affabulato

 

Un battito in fa

stamattina

vibra tra le pietre

turbinii di gocce e perle

confuse con le lacrime,

appoggiate,

cadono sui tuoi piedi.

Piove e tra le gocce

raccolgo carezze tue

e vorrei che piovesse sempre.

Il peso del mondo pare barcollare

sotto il peso della solitudine

dell’immaginazione,

qui, puoi farne ciò che vuoi del vento.

Sol con le note,

accordi infiniti del tempo,

questa terra odorosa e odiata

mostra ai ricordi l’orizzonte nudo.

Un urlo si perde nell’aria,

le foglie, i rami,

ma amor non sente ne gelo ne vento

ma silenzio.

Dal basso alzo gli occhi su monti,

valli, fumi di paludi

e natura per darsi tono,

si fa armonia rubando fiato all’odio.

Il cielo opaco,

muto, nullo, imperfetto,

il cielo d’una estate oramai morta,

riflesso d’una assenza: la tua.

Vento dipinge ghirigori di foglie attorno,

poi muri, aspettano che passi

e che pioggia arrivi.

cotrozzilivio©2012

pic from: scottchurch.deviantart.com
Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...