[ poesia ] È già giorno a mondobongo,

È già giorno a mondobongo,

grigio, elettrico.

Un gufo vola

con ali sfarinate

sibilando ai venti i suoi racconti.

Stavo in silenzio

poi un urlo assordante:

stasera il cuore cigola un poco troppo.

Un sentiero.

affretto il cammino,

nel cielo

dopo il vortice passato

la terra vede il mattino sorgere.

Giorno s’affaccia

bruciando di purezza

e costruisce l’inimmaginabile futuro di dio,

d’un lungo viaggio incompiuto,

oggi alla finestra,

gli alberi sembrano vivi,

il soffio d’inverno li abbraccia

spingendoli al tremore

e piangere a sole nascosto.

Fremiti splendono come aria in moto,

salvo che per le anime, tenute prigioniere.

Cotrozzilivio©2012

Katerina Bilabini ( self shot )

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...