[ Poesia ] I sogni che non si possono vendere

Pronto a mostrare

i sogni che non si possono vendere

cerco le parole

che ho messo nelle tasche di vecchi pantaloni.

Adorabile ora il profumo di mattino,

verde di pino in fiore e giallo di sole,

un mattino questo,

nato da solo, aggirando le nuvole,

alzando le lenzuola col vento e con i baci,

giorno questo, che veste i pensieri

ma non di trine e merletti,

li veste di bugie, sogni, desideri.

Piove caldo,

sudando fuori un’estate che aspetto

da quanto, non so

e tremo come foglia

al respiro d’una gioia

che sa di fado e nuvole basse.

Il tempo scorre come cane affamato

e morde i secondi senza sogni,

senza desiderio,

solo voglia di riempire la vita.

Non rimane che la strada,

consumata da mille passi,

la strada che non ha fine

nemmeno al buio della notte. Parliamo.

Giorni pieni di nulla,

giorni caldi d’amore,

ed in giorni come questo,

irripetibile l’incedere salta le ore,

le sostituisce con singulti del tempo.

Poi arrivano i sorrisi degli altri,

che pettinano i dolori e scoprono cicatrici

di cenere rastrellata,

caduta tra le perle,

lasciata scivolar pigra nel mattino

e arriva sempre il momento che debbo dirti no.

Mi umilia dover abbassare lo sguardo

per non far vedere le lacrime

chissà quanto tempo ancora,

passerà, quanto tempo servirà

prima che tutto cambi e tornino i si.

 

cotrozzilivio©2012

pic from who-is-chill.deviantart.com

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...